L’alfabetizzazione mediatica entra nelle scuole

Fin dall’infanzia siamo circondati dai media, che sono una componente essenziale della nostra cultura. Ma cosa c’è dietro quello che vediamo, ascoltiamo e leggiamo? L’alfabetizzazione mediatica deve cominciare a scuola

In una società in cui i media sono onnipresenti, tanto in forma analogica quanto digitale, è anacronistico pensare che basti spegnere la TV e il cellulare, oppure stare lontani dai social, per proteggere i ragazzi da fake news, bolle d’opinione o messaggi indesiderati. Non solo: se anche riuscissimo a filtrare i contenuti con cui bambini e adolescenti vengono a contatto, avremmo risolto solo metà del problema. La sfida più importante si gioca su un piano ancora più complesso, ed è quella di aiutare i più giovani a dare un significato a quello che ascoltano, vedono o leggono, a capire cosa c’è dietro i contenuti che circolano sui media.

La scarsa consapevolezza con cui i ragazzi – e non solo loro! – usano i media sta diventando un guaio serio: ne parla l’ultimo documentario prodotto da Netflix, The Social Dilemma (sul Corriere della Sera i punti di vista di Martina Pennisi, Daniele Manca e Gianmario Verona), lo conferma purtroppo la cronaca con l’aumento delle vittime di giochi autolesionistici che girano sul web, la crescita del cyberbullismo e di alcuni disturbi adolescenziali.

Serve maggiore senso critico e più saggezza digitale, cioè la capacità di usare i media e la tecnologia per potenziare i propri processi sensoriali e cognitivi, accedendo alla conoscenza in maniera responsabile e creativa. La scuola non può sottrarsi a questo compito, pur impegnativo soprattutto nell’anno del Covid-19. “Viviamo in un periodo di profonda trasformazione e la scuola ha una responsabilità enorme nel far sì che tutto ciò sia un vantaggio per la nostra cultura e non un problema”, ha sottolineato la professoressa Donatella Cesareni dell’Università Sapienza di Roma, intervenendo a un recente convegno sulle prospettive educative e sociali nella governance delle nuove tecnologie. “La scuola deve educare alla saggezza digitale, favorendo l’uso attivo delle tecnologie perché il fare e il collaborare siano la base di ogni apprendimento”.

A scuola l’alfabetizzazione mediatica non è cosa del tutto nuova (pensiamo a progetti di successo come Quotidiano in classe, promosso dall’Osservatorio Permanente Giovani-Editori per le scuole superiori), ma deve oggi evolvere per dare ai ragazzi nuovi strumenti con cui decifrare come funzionano i media, come si costruiscono e circolano i contenuti, quali opportunità e rischi nascondono i linguaggi multimediali.

Alfabetizzazione mediatica significa aiutare gli studenti a diventare competenti, critici ed esperti di tutte le tipologie media, in modo che possano interpretare quello che vedono e ascoltano, invece di subire passivamente l’interpretazione che altri ne danno”, scrive Tessa Jolls, presidente dell’agenzia educativa Center for Media Literacy (CML). “In questo senso, essere alfabetizzati non vuol dire memorizzare fatti o statistiche sui media, ma sapere quali domande porre quando ci trova di fronte a un contenuto o si interagisce con esso”.

Proprio il CML ha sviluppato una metodologia didattica, adatta soprattutto alle scuole secondarie di primo e secondo grado, che accompagna i ragazzi a esplorare i media in modo critico, partendo da cinque semplici assunti di base e altrettante domande (nell’immagine di seguito) che ciascuno dovrebbe porsi davanti a un articolo di giornale, una trasmissione TV, un post social.

 

 

L’alfabetizzazione mediatica è un tassello importante nei percorsi di educazione civica, e rappresenta un valore aggiunto non solo per contrastare le derive generate dal cattivo uso dei media, ma soprattutto per aumentare nei ragazzi la consapevolezza del ruolo che i media hanno nella nostra società, rendendoli cittadini capaci di comprendere, valutare ed esprimersi in modo creativo, ma sempre responsabile e costruttivo.

 

Sei un’insegnante della scuola secondaria di primo o secondo grado e vuoi saperne di più sui percorsi di alfabetizzazione mediatica per la tua classe? Scrivici a info@b-story.eu

Pregiudizi inconsapevoli, la formazione aiuta (ma da sola non basta)

Pregiudizi inconsapevoli, la formazione aiuta (ma da sola non basta)

La comunicazione sul podio delle power skills 2022

La comunicazione sul podio delle power skills 2022

Il gergo aziendale, comodo ma…

Il gergo aziendale, comodo ma…